Imbolc è la festa in cui cominciamo a vedere la luce della vita tornare sulla terra, mentre il sole comincia a riportarci verso la primavera.

Imbolc è una delle quattro feste celtiche del fuoco (Samhain, Imbolc, Beltane e Lughnasadh), che celebra il ritorno della luce dopo il buio dell'inverno.

Questo è anche il momento in cui la Dea si trasforma passando da Vecchia a Fanciulla.

Magicamente, Imbolc non è solo associato al sole e al fuoco, ma anche alla vita, all'acqua e alla divinazione. È il punto intermedio tra il solstizio d'inverno e l'equinozio di primavera. Originariamente Imbolc si pensa che venisse celebrata solo il 1° febbraio. Tuttavia, è passata ad essere celebrata il 2 febbraio, il che la fonde con la festa cattolica della Candelora. Attualmente, la festa di Imbolc inizia la cosiddetta vigilia di febbraio, il 31 gennaio, e continua fino alla fine del 2 febbraio.

L'etimologia di Imbolc è in realtà un po' difficile da comprendere anche nella sua apparente semplicità. Alla radice, Imbolc è una parola irlandese che si traduce con "nella grembo". Altre fonti ritengono che la parola derivi in realtà da una parola medievale più antica, “oimelc”, che si traduce in "latte di pecora". Entrambe le traduzioni si riferiscono alle pecore, poiché questo è il periodo dell'anno in cui sono gravide. Dato che si tratta di una festa della fertilità, non dovrebbe sorprendere che il nome e le origini riflettano questo aspetto. È interessante notare che, mentre noi diamo credito al popolo celtico per i festeggiamenti di Imbolc, si pensa che i primi indigeni irlandesi non di origine celtica abbiano celebrato questo giorno per primi.

© L’Almanacco delle Streghe